Previati             Le Opere                                BACK

                

<INDIETRO- AVANTI>>>

 
   

Adorazione dei magi 1898

 

Il giorno sveglia la notte 1905

 

La carovana nel deserto

Sul prato 1901

Colline liguri
 

Ireos 1912

 

La danza 1908

La danza delle Ore 1899

 

 

 

 

Previati ( Ferrara 1852 ľ Lavagna  Ge 1920 )

 

Un articolo di Boccioni dedicato a Previati (pubblicato il 26 marzo 1916) :ôQuando finirÓ questa infame noncuranza, questa vergognosa incoscienza artistica e nazionale verso il pi˙ grande artista che l' Italia ha avuto da Tiepolo ad oggi?... L'opera di Gaetano Previati Ŕ di una vastitÓ e di un valore che sconcertano... Previati Ŕ il solo grande artista italiano, di questi tempi, che abbia concepita l'arte come una rappresentazione in cui la realtÓ visiva serve soltanto come punto di partenza. Egli Ŕ il solo artista italiano che abbia intuito da pi˙ di trent' anni che l'arte fuggiva il verismo per innalzarsi allo stile. Gaetano Previati Ŕ stato il precursore in Italia della rivoluzione idealista che oggi sbaraglia il verismo e lo studio documentato del vero. Egli ha intuito che lo stile comincia quando sulla visione si costruisce la concezione, ma mentre la sua visione si Ŕ rinnovata nella modernitÓ, la concezione Ŕ rimasta, come ossatura, al vecchio materiale elaborato del Rinascimento italiano...ö

 

    Al giudizio positivo di Boccioni si aggiungono le parole di Giorgio de Chirico, che celebra Previati tra i maggiori protagonisti del simbolismo capace di anticipare, con le sue figure sospese in una dimensione fantastica, le atmosfere senza tempo della pittura metafisica.

   Previati affronta, in modo originale e anticonvenzionale, i soggetti giÓ consacrati dalla tradizione classica e romantica di carattere storico, letterario, religioso ed esotico. Si interessa, con un numero ridotto di opere, anche al paesaggio, alla natura morta e ai ritratti, sviluppa temi nuovi di natura mistico-simbolica inserendosi nel filone del Simbolismo europeo e negli ultimi anni di attivitÓ dipinge anche opere legate al progresso moderno in sintonia col clima del Futurismo.
   Questo ampio quadro tematico indica la sua disponibilitÓ a sperimentare tutta la gamma comunicativa nel desiderio, forse, di ottenere comprensione, riconoscimenti e successo da parte del pubblico e della critica.
   Spesso in etÓ matura replica quadri precedenti usando la tecnica divisionista per attribuire ai vecchi soggetti nuovi significati di carattere simbolico.
  Predilige in genere il quadro di grande formato spesso nella dimensione del trittico (smembrati per scopi commerciali).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Madonna dei gigli 1894

Il traforo alpino

 

 

 

Madre con bambina

Le Fumatrici di hashish 1887

 

 

 

 

MaternitÓ 1890

 

Pianticella 1901

 

 

 

 

Paolo e Francesca 1901           

 

 

 

 

Pini in Liguria 1900